Avete sempre fame a metà pomeriggio? Ecco i possibili motivi.

Sono le 15:00 e iniziano a sbocciare quelle inspiegabili voglie di cibo? Non preoccupatevi, si tratta di una situazione molto comune e, anche se a volte l’origine può avere a che fare con la fame reale e fisica, nella maggior parte dei casi ci sono altre ragioni dietro questo schema.

Trovare la causa della vostra fame “inspiegabile” (o delle vostre voglie) è il primo passo per iniziare a lavorare sui fattori scatenanti, aggiustare alcuni comportamenti e liberarsi da quella sensazione di voler mangiare a tutte le ore, soprattutto quando le ragioni non sono correlate alla fame fisica.

Qui di seguito troverete 6 possibili ragioni che possono spiegare quel “bisogno inspiegabile” di mangiare sempre a metà pomeriggio e perché queste voglie di solito si rivolgono a cibi specifici:

1. Esaurimento e stress

L’esaurimento dovuto a una lunga giornata di lavoro può iniziare a farsi sentire a metà pomeriggio. Se a ciò si aggiunge la noia, lo stress o la pressione di un compito in sospeso, si può ricorrere al cibo come fuga o misura di conforto.

Cosa fare in questo caso?

  • Evitare di lasciare i compiti di lavoro più pesanti o “stressanti” alla fine della giornata. Stabilite le priorità in base all’importanza e svuotatele al mattino.
  • Fate delle pause attive per sciogliere la tensione nella vostra mente e nel vostro corpo.
  • Riservate 5 minuti del vostro pomeriggio per fare una respirazione consapevole per calmare la vostra mente.

Scopri anche:

2. Abitudine consolidata

La merenda di metà pomeriggio è un’abitudine consolidata in molte famiglie e si dice che gli esseri umani siano “creature abitudinarie”. Quindi, se fai lo spuntino di metà pomeriggio da una vita, è probabile che quando vorrai saltarlo, la tua mente farà un po’ di fatica.

Cosa fare in questo caso?

Sostituire un’abitudine non è un’impresa da un giorno all’altro e ancor meno lo è quando quell’abitudine è radicata nella nostra vita da molti anni. Inizia quindi con piccoli passi:

  • Trasforma lo spuntino pomeridiano in un’esperienza sana. Sostituisci i cibi poco salutari che mangiavi prima con un’alternativa che ti dia più nutrienti e più sazietà (invece di caffè e biscotti, mangia una manciata di noci o una porzione di frutta).
  • Riduci gradualmente il numero di volte alla settimana in cui ricorri allo spuntino pomeridiano, fino a farlo solo occasionalmente e solo quando senti veramente fame.
  • 3. Scarsa qualità del sonno

    La voglia di mangiare al di fuori dei pasti principali può anche essere dovuta a un sonno insufficiente (o di scarsa qualità). È stato dimostrato che le persone che dormono troppo poco tendono ad avere più voglia di mangiare, soprattutto a fine giornata.

    Cosa fare in questo caso?

    È molto semplice, assicurati di dormire a sufficienza (tra le 7 e le 9 ore) e assicurati che la qualità del sonno sia ottimale seguendo alcuni di questi consigli:

  • Non andare a letto con la TV accesa e assicurati che l’ultima cosa che fai prima di andare a dormire sia non guardare il telefono.
  • Assicurati che la tua camera da letto sia il più possibile buia e che la temperatura sia confortevole per te.
  • Indossa abiti larghi per dormire e assicurati che il materasso e le lenzuola siano confortevoli.
  • Fai qualche attività rilassante prima di andare a letto.
  • Gratta prima di andare a letto e ricarica la mente con pensieri positivi.
  • Scoprite anche:

    Dormite troppo poco? Attenzione a queste gravi conseguenze

    4. Disidratazione

    È frequente dimenticare di bere acqua a sufficienza a causa dei ritmi di lavoro ed è anche molto comune confondere la sensazione di sete con quella di fame.

    Cosa fare in questo caso?

  • Tenete sempre con voi una bottiglia d’acqua che vi serva da promemoria durante la giornata.
  • Se non vi piace il sapore neutro dell’acqua, aggiungete qualche fetta (senza frullare) di arancia, cetriolo o qualsiasi altro frutto.
  • Potete anche aggiungere all’acqua del succo di limone (senza zucchero).
  • Quando vi viene voglia di mangiare, bevete prima un bicchiere d’acqua e aspettate qualche minuto.
  • 5. Stimolare i sensi

    Vedere e annusare il cibo degli altri può stimolare i sensi e scatenare (o intensificare) il desiderio. E poiché la pratica dello spuntino di metà pomeriggio è piuttosto comune, questo può essere un fattore scatenante frequente.

    Cosa fare in questo caso?

    C’è ben poco da fare per impedire ai sensi di reagire a certi stimoli, ma prima di mangiare chiedetevi: ho davvero fame? In questo modo acquisirete maggiore familiarità con le sensazioni di fame e sazietà, entrerete in contatto con il vostro corpo ed eviterete di mangiare per semplici voglie.

    6. Cibo insufficiente

    Questo è l’ultimo punto e non perché sia il meno importante, ma perché è quello che può davvero essere collegato alla fame fisica.

    È molto comune al giorno d’oggi che, a causa del carico di lavoro e degli spostamenti delle città, molte persone pranzino con un panino, un hamburger o addirittura un’empanada, quindi quando sentite fame nel pomeriggio, chiedetevi: avete bilanciato bene il vostro pranzo e avete mangiato abbastanza?

    Cosa fare in questo caso?

    >

    Assicuratevi che tutti i vostri pasti della giornata siano ottimali in termini di qualità e quantità:

  • Includete sempre una fonte di proteine di buona qualità
  • >Non trascurate i grassi. Ce ne sono molti e salutari, come l’avocado, le noci, l’olio d’oliva e i semi.
  • Preferite sempre i carboidrati naturali, come il riso, la frutta, gli ortaggi a radice e i legumi.
  • >

  • Aumentate la porzione di insalata e assicuratevi di includere una varietà di verdure per ottenere una quantità sufficiente di vitamine e minerali.
  • Mangia lentamente e mangia finché non ti senti soddisfatto (non pieno)
  • Scopri anche: Sfatare i miti sui disturbi alimentari>

    Cosa fare in questo caso?

    Assicuratevi che tutti i vostri pasti della giornata siano ottimali in termini di qualità e quantità:

  • Includete sempre una fonte di proteine di buona qualità.
  • Non trascurate i grassi. Ce ne sono molti e salutari, come l’avocado, le noci, l’olio d’oliva e i semi.
  • Preferite sempre i carboidrati naturali, come il riso, la frutta, gli ortaggi a radice e i legumi.
  • Aumentate la porzione di insalata e assicuratevi di includere una varietà di verdure per ottenere una quantità sufficiente di vitamine e minerali.
  • Mangiate lentamente e smettete di mangiare quando vi sentite soddisfatti (non pieni).
  • Scoprite anche: Sfatare i miti sui disturbi alimentari

    Sfatare i miti sui disturbi alimentari